E’ urgente ricondurre il popolo sotto la protezione e il controllo di Santa Madre Chiesa, come pecorella all’ovile e figliuol prodigo

Ieri pomeriggio ci siamo ritrovati tutti a casa della Marchesa Aldobrandi per dibattere lo scottante tema della perduta moralità cristiana all’interno del popolo italiano.

Lo scopo finale dell’incontro era quello di delineare una strategia per riportare, gli italiani, pecorelle smarrite, all’ovile di Santa Madre Chiesa, al suo Amore, alla sua Protezione, al suo Controllo.

Per l’occasione erano presenti  tutte le mejo menti del mondo cattolico: Giovanardi, Rosi Bindi, Casini, Formigoni, Letta Gianni ed Enrico, Buttiglione, Socci, il cardinal Bagnasco, Don Gallo, Don Ciotti, Don Gelmini e Don Seppia.

A riassumere il tema dell’incontro, interpretando il pensiero di tutti, è stato come al solito Pierferdy Casini, ultimo grande rappresentante della tradizione cattolica e democristiana, che è sicuramente la mente più lucida de tutti.

Pierferdy ha iniziato elencando le motivazioni per cui è urgente ed essenziale ricondurre il gregge all’ovile di Santa Madre Chiesa, sì come un figliuol prodigo:

1) Il gregge si porta meglio a tosare che le singole pecore sparse

2) Riportare il gregge al pastore serve a farlo rincoglionire e distrarre  ben bene con i soliti argomenti

a) vite eterne

b) esseri soprannaturali che opportunamente sollecitati con rituali e preghiere aiutano e provvedono

c) mondi paralleli dopo la morte in cui la giustizia, che non è di questa Terra, verrà realizzata

d) la vera vita nun è de sta Tera

e) l’uomo nasce colpevole, col peccato originale, e deve sempre esse giudicato e controllato da chi ha il potere di perdonare ed emendare le sue colpe, cioè li preti

f) la Tera è na valle de lacrime

g) bisogna rassegnarsi e perdonare in attesa di un vecchietto con la barba bianca che punirà i ricchi e potenti ingiusti e cattivi e premierà i sudditi buoni e giiusti.

“Nzomma le solite cose” ha aggiunto Pierferdy ”quelle che funzionano da duemila anni e se funzionano da duemila anni nun se capisce perchè non dovrebbero continuà a funzionà.”
“Tanto chi controlla ?”  ha concluso come al solito Pierferdy col solito ghignetto anvedicomesobravostoapijapeculotutti:  “Nessuno è mai tornato indietro pe’ raccontà se er vecchietto co’ la barba bianca che punisce gli ingiusti e premia i giusti ce sta davero.”

A sta battuta tutti cominciano a ride a crepapelle, meno i due Letta, Gianni ed Enrico, che c’hanno il solito ghignetto appena abbozzato.

Quello che se scompiscia de più  è sempre Rocco, Buttiglione, che è rimasto un bambinone e ogni vorta è come se la sentisse la prima vorta e casca a tera dal ride.

A sto punto però Pierferdy ha abbandnato er ghignetto satanico e sul suo volto è apparso uno sguardo preoccupato: “Il problema è che a tutta sta roba nun ce crede più nessuno e così noi abbiamo perso il controllo del popolo, nun riusciamo più a rincoglionirlo coi preti e non possiamo più fa mpò come cazzo ce pare, senza che nessuno se ne accorge, come ai bei tempi del cinquantennio DC”.

“La bella notizia, però, è che gli imprenditori più avveduti, co’ mio suocero Caltagirone in testa” ha aggiunto rincuorato Pierferdy ” se so’ finalmente resi conto che er popolo senza preti e religione nun se gestisce e ci hanno garantito un ritorno alla grande della religione e di Dio sui principali mass media, tutti di loro proprietà”.

“Un primo test de prova lo stamo a fa co’  Gerry Scotti su Canale 5? ha precisato Pierferdy “che nella trasmissione che fa diventa tutti miliardari apre e chiude ringraziando Dio, invocando la benedizione divina  ed invitando tutti a pregare, e se la cosa funziona ben presto lo stesso rituale si estenderà a tutti i programmi  Mediaset, RAI e LA7?.

“Un lavoro capillare de evangelizzazione der popolo, che avrà come epilogo finale la candidatura a premier di due cattolici  alle politiche 2013  Formigoni per il centrodestra e Rosi Bindi per il centrosinistra, così chiunque votano votano pe Santa Madre Chiesa”

NELLA FOTO: 
Il candidato premier del centrodestra per le politiche 2013: Roberto Formigoni




“Tanto de destra, de sinistra, de centro, su, giù, in lato o in basso alla fine so’ pagati tutti dagli stessi e lavorano tutti per gli stessi, che poi so’ quelli che c’hanno li sordi e le televisioni” ha ricordato Pierferdy, sul cui viso era riapparso il ghignetto anvediquantosofurbolastoametteinculoatutti.

“A Formigoni gli abbiamo già messo vicino un image maker pe sveccha’ l’immagine” ha precisato Piefredry” ed i primi risultati già se vedono co’ le magliette fiorite e co’ la faccia de Paperino”.

“Il lavoro co’ Rosi sarà più duro” ha aggiunto PIerferdy” però dovete tene conto che Rosi se giova degli scontri fatti  co Silvio tipo iononsonounadonnaasuadisposizione e de  quella cosa cattolica che le femmine devono esse belle dentro che tra i cattocomunisti ancora acchiappa e quindi il lavoro da fà sarà minore”.

“Da settembre in poi con l’inizio della nuova stagione TV partiamo alla grande co’ sto progetto, che sarà accompagnato dalla solita stigmatizzazione delle troie de Berlusconi pe fa colpo sulla gente e conseguenti prediche per il ritorno alla moralità sessuale, ma solo quella, e solo in apparenza e per il popolino, perchè noi continuiamo a fa mpò come cazzo ce pare, ma de nascosto, come al solito,” ha aggiunto Pierferdy 

“Per il resto continuamo a fa come cazzo ce pare; mazzette, tangenti, raccomandazioni, truffe, imbrogli, evasioni fiscali et ceteras“ ha concluso il suo intervento Pierferdy” ma le prediche sul sesso de Bagnasco intanto funzioneranno, in modo che, in vista delle elezioni 2013, amo già riportato un pò de gente nel gregge e possiamo annà tranquilli”.

Appena concluso l’intervento di Pierferdy abbiamo votato, ma è stato inutile, perchè l’entusiasmo scatenato dalle parole del presidente UDC aveva fatto capì perfettamente che aria tirava, e infatti hanno votato tutti all’unanimità a favore del progetto Casini.

La votazione s’è chiusa verso le 21:00, perchè era ora de cena e tutti cominciavano a sentì un certo languorino allo stomaco e siamo annati tutti prima a magna dalla Sora Lella.

Poi dopo cena, come al solito, tutti  al Bacchanalia a festeggià con un pò de zoccole.


NELLA FOTO: La candidata premier del centrosinistra per le politiche 2013: Rosi Bindi
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...